Documenti

Lo Speleo-Club ha esplorato una caverna vicino Rennes-Le-Château

Lo Speleo-Club dell’Aude ha effettuato, il 27 gennaio, la sua prima uscita annuale. Gli speleologi dell’Aude e dell’Ariège si erano dati appuntamento a Rennes-Le-Château.

Il presidente Louis Durand e signora hanno accolto i signori Bels, l’abate Enjalran, segretario, Ribéro, vice-presidente e signora, Auriol, Ruffel, François Rieussec e la signorina, Saragosse, Gramont e quattro minime di Sainte-Colombes-sur-l’Hers, mentre il presidente dello Speleo-club dell’Ariège, il signor Chaubet, aveva portato quattro dei suoi compagni di squadra.

Il signor corbu, proprietario dell’hotel, aveva proposto come oggetto dell’esplorazione una caverna situata a circa tre chilometri a sud di Rennes. L’accesso, relativamente facile, si effettua dalla fattoria dei Pailhères e dei Soubirous.

Oltre i Souburous, tramite l’accidentato cammino della Maurine, ci si imbatte in una grande lapide in calcare mummolitico, poco spessa.

Una vegetazione cespugliosa di lecci nasconde un campo carreggiato ricco di crepe. Una di queste serpeggia a qualche metro dalla superficie, su una ventina di metri. Un ghiaione poco importante agevola l’accesso. Vi si perde una sorgente, dopo essersi estesa in un gorgo poco profondo. L’insieme costituisce un embrione di reti le cui diverse ramificazioni hanno richiesto circa un’ora di esplorazione. Dopo un pranzo condito da una buona dose di allegria, l’équipe speleologica si è diretta verso un torrente, affluente dell’Aude, che serpeggia tra le falesie.

Numerose grotterelle si aprono nel calcare, senza interesse per gli speleologi ma molto importanti per i gli studiosi di preistoria. Non è il momento di fare sondaggi, vista l’ora tarda. Il ritorno avviene in modo rapido. Al passaggio, una cascata di una quindicina di metri, interamente ghiacciata, suscita l’entusiasmo dei fotografi.

I saluti si fanno a Couiza, dopo essersi dati appuntamento a Cabrespine per una delle prossime domeniche.

Traduzione di Serena Bartolo

Midi Libre, 3.2.1963.

© 2009-2018 Tutti i diritti riservati • Testi Antoine Captier, Christian Doumergue, Mariano Tomatis

Collaboratori Patrick Mensior , Octonovo , Morgan Roussel , Marcus Williamson.