Documenti

Omelia di Bérenger Saunière del 10 agosto 1890

Festività di San Lorenzo di Roma, Levita e martire.

Giovedì 14 agosto, Veglia dell’Assunzione, digiuno e severa astinenza.

il giorno seguente, Venerdì 15 Agosto, Festa dell’Assunzione della Vergine Benedetta.

Quest’anno la festività cade il un giorno quando la carne è vietata; a richiesta di un gran numero di vescovi Papa Leone XIII diede l’opportunità a tutti i fedeli di mangiare carne in questo giorno, a condizione che dicano, come compensazione, il rosario con i suoi propositi.

Tre modi di preparare questa festività:

1. dire tutte le nostre preghiere, e specialmente quelle in onore di Maria, con tutta la devozione di cui siamo capaci;

2. penitenza e mortificazione;

3. confessione e Comunione.

Sermone sulla preparazione per la Festa dell’Assunzione, sulla vita di San Lorenzo da Roma e la lezione che ci insegna.

San Lorenzo nacque in Spagna, nella città di Huesca, nel regno di Aragona. Gli storici non hanno niente da dire sulla sua giovinezza, e nemmeno sul motivo che lo portò a Roma, ma lo troviamo in quest’ultima città come Arcidiacono e guardiano dei tesori della Chiesa, che Papa Sesto II gli aveva affidato. Ciò avvenne al culmine della persecuzione da parte dell’Imperatore Valeriano.

Sesto, come "capo del gregge", fu arrestato e martirizzato. Quando Lorenzo lo vide trascinato in prigione senza di lui, espresse le sue rimostranze a [...] lato del Salvatore crocifisso ed allo stesso tempo fece al cuore di Maria la settima ferita. Oh Maria, ecco le sette spade che furono immerse nel tuo cuore! Non resta nel tuo cuore nessun posto che sia senza dolore, non c’è più da nessuna parte nell’intero tuo essere dove la sofferenza non abbia riversato completamente tutta il suo gusto amaro.

Seconda festività dei Sette Dolori della Vergine Benedetta. Lo scopo di questa festività è di onorare il martirio di Maria ai piedi della Croce. E’ anche chiamata la Commemorazione dei Dolori della Vergine Benedetta e la festività della Nostra Signora della Misericordia. Fu istituita nel 1423 (o 1413) dal consiglio provinciale di Colonia per riparare gli insulti che gli Hussiti inflissero alla Madre di Dio posando le mani sacrileghe sulle sacre immagini. Surius pensa che il nome dato a questa festività venga dai monaci dell’ordine dei Serviti, che si basarono sulle prove nei Vangeli per dimostrare che sette spade trafissero il cuore del loro Augusto Protettore.

Benedetto XIII, in una Lettera del 22 Agosto 1725, stabilì la sua Celebrazione come sesta festività pubblica della Settimana di Passione. Fu prima celebrata. in parecchi posti, il Venerdì della quarta settimana di Pentecoste. Il giorno della Compassione si canta lo "Stabat Mater dolorosa": "La Madre dei Dolori, bagnata dalle lacrime, stava vicino alla Croce." Questo splendido lamento, composto da Innocenzo III, è particolarmente appropriato per un giorno dedicato ad onorare l’ angoscia di Maria sul Calvario, un giorno in cui, secondo la terribile profezia una volta proferita dall’anziano San Simone, il cuore di questa tenera madre fu trafitto da una spada; un giorno, infine, quando - senza in realtà perdere sangue - Lei si meritò il glorioso nome di Regina dei Martiri, perché lei allora soffrì più di tutti i martiri messi insieme.

Al ritorno dalla sua cattività, Pio VII stabilì un’altra festività dei Sette Dolori della Vergine Benedetta, per la terza Domenica di Settembre.

Traduzione di Riccardo D’Ancona

10.8.1890 (Undicesima Domenica dopo Pentecoste.)

© 2009-2018 Tutti i diritti riservati • Testi Antoine Captier, Christian Doumergue, Mariano Tomatis

Collaboratori Patrick Mensior , Octonovo , Morgan Roussel , Marcus Williamson.